×
Nonostante i costi di server e hosting,
il servizio di UkuleleAccordi è offerto gratuitamente.
Per favore disabilita Adblock per permetterci di andare avanti.
adblock

Maddalena - Accordi per Ukulele

  • Maddalena

    Mannarino
    2011

    Suonata 2938 volte.
  • Gli

    Bb7

    presero la

    A7

    casa ed il

    Dm

    giardino

    In

    Bb7

    nome della

    A7

    grande santi

    Dm

    E

    Bb7

    Giuda prese a

    A7

    fare a nascon

    Dm

    dino

    Con lo

    Bb7

    specchio e

    A7

    con la digni

    Dm


    Poi venne

    Bb7

    Dio che tutto

    A7

    da e tutto

    Dm

    toglie

    Chiamò un

    Bb7

    taxi e ci

    A7

    mise su la

    Dm

    moglie

    E

    Bb7

    Giuda andò a mo

    A7

    rire nella

    Dm

    notte

    Per il

    Bb7

    vino, per le

    A7

    donne e per le

    Dm

    botte


    Lo rac

    Bb7

    colse per la

    A7

    giacca Mad

    Dm

    dalena

    Che vi

    Bb7

    veva alle

    A7

    baracche allo s

    Dm

    facelo

    In

    Bb7

    mezzo a una co

    A7

    mune di ubri

    Dm

    aconi

    Che cre

    Bb7

    devano in un

    A7

    regno su nel

    Dm

    cielo


    E fu a

    Bb7

    more e

    A7

    fu rivolu

    Dm

    zione

    Dis

    Bb7

    corsi sulla

    A7

    strada e vita

    Dm

    piena

    Ma Gi

    Bb7

    uda amava

    A7

    più d'ogni ser

    Dm

    mone

    Le urla

    Bb7

    dolci

    A7

    della Mad

    Dm

    dalena


    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Il fat

    Bb7

    taccio poi suc

    A7

    cesse in una

    Dm

    sera

    Giuda fu

    Bb7

    preso e

    A7

    messo alla

    Dm

    galera

    Gesù

    Bb7

    Cristo era scap

    A7

    pato fra la

    Dm

    gente

    E Giuda

    Bb7

    disse di

    A7

    non sapere

    Dm

    niente


    Ma quando

    Bb7

    vide Madda

    A7

    lena in par

    Dm

    latorio

    che stava

    Bb7

    male e

    A7

    aveva perso

    Dm

    un dente

    Ispet

    Bb7

    tore, disse, è

    A7

    stato Gesù

    Dm

    Cristo

    A por

    Bb7

    tare tutto

    A7

    l'oppio dall'O

    Dm

    riente


    E ritor

    Bb7

    nò dal suo a

    A7

    more col bot

    Dm

    tino

    Trenta de

    Bb7

    nari per sette a

    A7

    mari, grazie un

    Dm

    marsala

    Per poi ve

    Bb7

    dere scritta

    A7

    doppia al botte

    Dm

    ghino

    L'in

    Bb7

    segna di una

    A7

    grande mul

    Dm

    tisala


    Diceva:

    Bb7

    Gesù

    A7

    Santo alla sta

    Dm

    zione

    Un nuovo

    Bb7

    film dav

    A7

    vero commo

    Dm

    vente

    Con un

    Bb7

    cast del

    A7

    tutto eccezio

    Dm

    nale

    C'è pure

    Bb7

    Dio, l'im

    A7

    menso onnipo

    Dm

    tente


    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Il

    Bb7

    cinema è un

    A7

    buio di per

    Dm

    sone

    I grandi

    Bb7

    divi sono

    A7

    stelle da am

    Dm

    mirare

    E nes

    Bb7

    suno vide

    A7

    giù fra le pol

    Dm

    trone

    Che quei

    Bb7

    due comin

    A7

    ciavano a sco

    Dm

    pare


    Madda

    Bb7

    lena,

    A7

    io ti amo

    Dm

    tanto

    lui voleva il

    Bb7

    cielo

    A7

    e io voglio stare

    Dm

    qua

    Lo ucci

    Bb7

    dessero, va bene

    A7

    tanto al tem

    Dm

    po

    Ha detto a tut

    Bb7

    ti che

    A7

    poi risor

    Dm

    gerà


    Ma il paradiso

    Bb7

    mio sta

    A7

    solo nei tuoi

    Dm

    fianchi

    Seni

    Bb7

    dolci

    A7

    per occhi

    Dm

    stanchi

    Bocca

    Bb7

    rossa

    A7

    di cara

    Dm

    mella

    Questa

    Bb7

    vita sulla

    A7

    terra è così

    Dm

    bella


    Dallo s

    Bb7

    chermo Dio li

    A7

    vide e alzò la

    Dm

    voce

    Io ti

    Bb7

    fulmino,

    A7

    Giuda l'Isca

    Dm

    riota

    Mio

    Bb7

    figlio sta

    A7

    morendo sulla

    Dm

    croce

    Per

    Bb7

    colpa di un mor

    A7

    tale così

    Dm

    idiota


    Madda

    Bb7

    lena allora

    A7

    s'alzò e urlò con

    Dm

    tutto il cuore

    Bb7

    Dio

    A7

    non mi fai

    Dm

    paura

    Bb7

    Tu che hai fatto un

    A7

    figlio

    Dm

    senza far l'amore

    Che vuoi ca

    Bb7

    pirci di qu

    A7

    esta fre

    Dm

    gatura?


    Bb7

    Lascia stare

    A7

    Giuda e guarda

    Dm

    altrove

    Ec

    Bb7

    co, gu

    A7

    arda la mia scol

    Dm

    latura

    E

    Bb7

    io mi guarde

    A7

    rò dalla tua

    Dm

    invidia

    Perchè Dio non

    Bb7

    gode

    A7

    come una crea

    Dm

    tura


    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    A7

    Dm

    Bb7

    Dio scappò nel

    A7

    cielo e nella

    Dm

    furia

    Mise

    Bb7

    su un gran

    A7

    dissimo can

    Dm

    tiere

    Per costrui

    Bb7

    re u

    A7

    na potente

    Dm

    curia

    Che po

    Bb7

    tesse Madda

    A7

    lena far

    Dm

    tacere


    Bb7

    Giuda e Mad

    A7

    dalena stanno in

    Dm

    sieme

    E

    Bb7

    girano nas

    A7

    costi fra la

    Dm

    gente

    E

    Bb7

    vanno al

    A7

    fiume a far l'a

    Dm

    more

    Su una bar

    Bb7

    chetta che

    A7

    va controcor

    Dm

    rente